Se venisse indetto un quiz a premi, una sorta di “Lascia o raddoppia” dell’intralogistica con focus specifico sui magazzini automatici orizzontali a carosello, saresti un concorrente preparato? Riusciresti a portarti a casa il montepremi finale? Mettiti alla prova con il nostro piccolo quiz tutto dedicato al magazzino automatico rotante orizzontale e alle ultimissime innovazioni introdotte da Kardex Remstar su questa linea di soluzioni. Pronto ad iniziare?

In logistica vince chi è aggiornato sull’innovazione e i suoi vantaggi

1.    Partiamo dalle basi: che cos’è un magazzino orizzontale a carosello?

Un magazzino a carosello è una delle tipologie di magazzini automatici a sviluppo orizzontale progettate e realizzate da Kardex Remstar. Il magazzino automatico rotante orizzontale sfrutta in modo ottimale la lunghezza degli ambienti, razionalizzando l’utilizzo degli spazi e garantendo un rapido accesso ai materiali immagazzinati. Questa strategia riduce notevolmente i tempi di spostamento normalmente necessari operando con scaffali di tipo tradizionale.

2.    Un magazzino rotante orizzontale ha dimensioni standard?

Assolutamente no, può essere anzi progettato a misura di specifica esigenza. L’altezza può variare da 2.200 a 4.100 mm, mentre larghezza e lunghezza possono essere definite in modo tale da sfruttare al meglio lo spazio disponibile anche in edifici originariamente non destinati alla logistica.
In base alle singole necessità si sceglieranno colonne con portate da 450 – 680 – 900 kg e anche la larghezza utile della colonna sarà dimensionata secondo le esigenze tra 622 – 825 – 960 mm.

3.    Quando è ottimale l’integrazione di un magazzino automatico orizzontale?

I caroselli orizzontali Kardex sono magazzini automatici ideali per applicazioni che richiedono elevate prestazioni di picking sia nell’ambito produttivo sia logistico-distributivo per ottenere tempi di reazione rapidi e un’evasione degli ordini veloce e precisa. In combinazione con il WMS Power Pick Global di Kardex Remstar possono essere utilizzate strategie di stoccaggio quali batch picking, multi-user picking, o cross picking, consentendo all’operatore di processare fino a 400 righe d’ordine all’ora in una stazione di picking.

4.    Un magazzino rotante orizzontale migliora produttività e precisione?

Decisamente sì. Concepito secondo il principio goods-to-man, un magazzino automatico orizzontale a carosello convoglia la merce direttamente alla postazione di prelievo e riduce drasticamente gli spostamenti dell’operatore, tagliando i tempi di picking fino del 65%. Contestualmente si abbattono gli errori grazie agli indicatori ottici che forniscono all’operatore le informazioni principali relative al picking, consentendo di raggiungere una precisione del 99% che si traduce in un’immediata soddisfazione dei clienti finali.

5.    L’automazione irrigidisce le operazioni?

Certamente no, anzi, aiuta a standardizzare i processi introducendo più flessibilità e maggior reattività. Tutti i caroselli orizzontali, appartenenti alla medesima postazione di picking, operano simultaneamente e in parallelo, garantendo un accesso continuo ai materiali immagazzinati e riducendo al minimo i tempi di attesa per l’operatore. In più, grazie alla regia del WMS, è possibile impostare differenti strategie di picking quali, ad esempio, il prelievo raggruppato.

6.    Un magazzino automatico orizzontale garantisce un ambiente di lavoro sicuro?

Indubbiamente sì. Le postazioni riservate agli operatori sono studiate per assicurare la massima ergonomia in ogni dettaglio, mentre una dotazione di dispositivi di sicurezza, quali porte scorrevoli automatiche e grate di protezione, prevengono di incidenti e garantiscono un’operatività priva di rischi, scongiurando quelli che sono invece i pericoli di incidente legati al traffico carrelli in un magazzino tradizionale. Anche il pericolo di cadute accidentali è scongiurato perché l’automazione movimenta in sicurezza anche pesi rilevanti, per una portata massima dell’impianto pari a 54,4 tonnellate.
La continuità lungo la supply chain è assicurata dalla concezione stessa del sistema, progettato in modo che motore e riduttori possano essere sostituiti più velocemente e più facilmente se l’apparecchio deve essere manutenuto, ampliato o se deve essere incrementata la portata, scongiurando prolungati fermi macchina.

7.    Un magazzino rotante orizzontale è personalizzabile?

Assolutamente sì. Non solo, come abbiamo visto, può avere dimensioni variabili in altezza, larghezza e lunghezza, ma viene disegnato in base alle specificità degli articoli da trattare – peso, volume, velocità di rotazione – e delle modalità di preparazione degli ordini. In più, ogni colonna può essere ripartita, in altezza, utilizzando ripiani spostabili che consentono anche uno stoccaggio perfetto ed efficiente di materiali di differenti dimensioni e di articoli ingombranti, con un passo regolabile ogni 38 mm.
Capienza e flessibilità di utilizzo sono assicurate dalle diverse possibili configurazioni di montaggio dei ripiani stessi: oltre alla possibilità di montarli inclinati all’indietro, ora è possibile anche montarli orizzontalmente o inclinati in avanti così da adeguarsi agli articoli più diversi.

Con un’efficace automazione il premio in palio è l’ottimizzazione dell’intera supply chain

Allora, com’è andata? Ti sei confermato un esperto di magazzini automatici orizzontali o hai scoperto nuove informazioni e vantaggi legati a questa tecnologia che prima non conoscevi?

E vuoi sapere qual è il premio finale? La ricompensa più ambita in logistica: l’ottimizzazione della supply chain applicando una tecnologia che porta valore in ogni processo della catena logistica.


[td_text_with_title title=”Ottimizzazione magazzino” style=”style_2″ el_position=”first last” custom_title=”VUOI INFORMAZIONI SUI MAGAZZINI AUTOMATICI ORIZZONTALI? CONTATTACI!”]