Italiani più amanti della propria casa, dei propri bambini e più attenti alla propria salute: questo è il ritratto tracciato dalla tredicesima edizione dell’Osservatorio Non Food di GS1 Italy | Indicod-Ecr prima di settembre 2015. Monitorando il settore dei beni non alimentari interessanti sono state le sorprese positive. Prima buona notizia da gustare sotto l’ombrellone: finalmente la crisi sembra aver iniziato a tirare il freno a mano e se anche la fase di contrazione per l’economia italiana è proseguita anche nel 2014, ha fortemente rallentato con il PIL assestatosi a -0,4%, un dolce planare rispetto alla caduta brusca del 2013. A fare da paracadute è, finalmente, l’aumento dei consumi complessivi delle famiglie che nel 2014 sono cresciuti dello 0,5%, trainati dall’incremento dei consumi non alimentari che secondo l’Istat hanno registrato un incoraggiante +0,6%, per un valore complessivo che supera i 98 miliardi.

Crescono dello 0,6% i consumi non alimentari: arredamento, giocattoli e healthcare sono i settori che hanno trainato la crescita del Non Food

La seconda buona notizia da gustare mentre ci si dedica alla tintarella è che, in uno scenario di generale miglioramento, alcuni comparti del Non Food si sono distinti ottenendo, dopo oltre due anni consecutivi di caduta, una ripresa nelle vendite. Chi sono i tre sul podio? Come già anticipato gli Italiani hanno incrementato gli acquisti in tre comparti principali: Mobili e Arredamento (+1,6%), Giocattoli (+0,9%) e Prodotti da automedicazione (+3,5%). E se per la maggior parte dei restanti settori ancora non si vede un segno più davanti alle percentuali di vendita è ormai chiara la tendenza di una frenata nella caduta dei consumi.

Cambiano i canali di vendita, ma la logistica è pronta a vincere la sfida dell’innovazione? Sì! Grazie all’automazione intelligente

È sempre più il consumatore a dettare le regole e nel 2014 i cambiamenti in atto negli ultimi anni si sono ulteriormente accentuati in direzione di una sempre maggiore convergenza tra il canale fisico e quello digitale. Sono, dunque, in flessione gli ipermercati e gli specializzati, mentre tra i format tradizionali aumenta solo la rete discount. Per contro, ad essere premiati sono tutti i canali che riescono a mettere al centro il consumatore e a dare valore comunicando, secondo l’Osservatorio Non Food di GS1 Italy | Indicod-Ecr, “vicinanza” e una positiva shopping experience. Per ottenere questo risultato una logistica efficace è essenziale per garantire precisione e puntualità nell’evasione degli ordini, riduzione degli sprechi di tempo e risorse, razionalizzazione dei flussi da gestire in un’ottica di multicanalità. Le soluzioni di automazione di Kardex Remstar, comprensive di un’ampia gamma di magazzini automatici verticali e magazzini automatici orizzontali completamente customizzabili, combinano la flessibilità – necessaria a rispondere con la massima reattività ai cambiamenti in atto – all’indispensabile affidabilità garantita da processi razionali e ottimizzati per garantire il miglior servizio al cliente finale. Per un’efficienza che non va mai in vacanza.